Tuesday, August 29, 2017

POP WORKSHOP - Vol. 1 + Song Of The Pterodactyl (1973-74, LP, Sweden)

POP WORKSHOP was a short-lived fusion group based in Sweden formed by saxophonist
Zbigniew NAMYSLOWSKI and keyboard player Wlodek GULGOWSKI (MADE IN SWEDEN) in 1973. The group released two albums during their only two years of existence but featured in their line-up more than just a couple of bigger talents of the jazz world, like Tony WILLIAMS and Janne SCHAFFER, as well as Ahmadu JARR and Stefan BROLUND from fusion group EGBA, Ola BRUNKERT (OPUS III, BALTIK, ABLUTION) and Ed THIGPEN.

Vol. 1 (1973)
Side A
A1 Point Of Junction (7:24)
A2 Hanging Loose (5:28)
A3 Perforated Mind (3:57)
A4 Sentience (5:54)

Side B
B1 Equinox (5:20)
B2 The Last Pharoah (5:24)
B3 Equivalent In Nature (4:52)
B4 Perfect Touchdown (3:33)

Musicians:
Alto Saxophone – Zbigniew Namysłowski
Bass – Stefan Brolund
Drums – Ola Brunkert
Guitar – Janne Schaffer
Percussion – Ahmadu Jarr, Ed Thigpen
Piano, Synth, Electric Piano – Wlodek Gulgowski
Producer – Gert Palmcrantz, Wlodek Gulgowski
Recorded By – Gert Palmcrantz

Song Of The Pterodactyl (1974)
Side A
A1 Prehistoric Bird
A2 Song Of The Pterodactyl
A3 High Priest
A4 Dilemma

Side B
B1 Watussi Dance
B2 Mammoth
B3 Ozzy Bear
B4 Kuyaviak Goes Funky

Musicians:
Alto Saxophone, Flute, Cello – Zbigniew Namyslowski
Bass – Mads Winding
Drums – Tony Williams
Electric Piano, Synth, Keyboards – Wlodek Gulgowski
Engineer – Olle Ramm
Guitar – Janne Schaffer
Producer – Wlodek Gulgowski

Sunday, August 27, 2017

TIM HODGKINSON/ DAGMAR KRAUSE - STOP MORTAL (1995, Live at Montepulciano, Italy) Repost!

Risultati immagini per London Musicians Collective / Dagmar Krause
London Musicians Collective/ Dagmar Krause

Stop Mortal (59:31)

Musicians:
James Clapperton: piano
Nicolas Hodges: piano
Tim Hodgkinson: piano, composer
Zoë Martlew: cello
Charles Mutter: violin
Chris Cutler: violin
Zeena Parkins: piano

Stop Mortal is the composition by Tim Hodgkinson for piano trio, sampler and voice at Jan-May, 1995. Performances at Nancy Musique Action, Queen Elizabeth Hall London, Nickelsdorf Konfrontazionen, and Cantiere Internazionale d'Arte di Montepulciano.
Original post here

GUIDO MAZZON & MARIO SCHIANO ‎– Gospel (1977, LP, Italy)

Lato A
A1 Non Dimenticar Le Mie Parole 
A2 Ipotesi Per Simpatia
 
Lato B
B1 Riff 
B2 Studio N. 2,6 
B3 Echi 
B4 Gospel

Musicians:
Mario Schiano: alto saxophone, hammond organd, piano, voice
Guido Mazzon: trombone, French horn, flicorno, piano
L'Orchestra ‎– OLP 10015
Per le altre pubblicazioni dell'etichetta L'Orchestra disponibili vai qui

PERCEPTION ‎– Mestari (1973, LP, France)




Though Yochk'o Seffer's (here known as Jeff Seffer) membership in this exceptional quartet alongside Siegfried Kessler, Didier Levallet and Zao drummer Jean-My Truong actually preceded his involvement with Magma, this final Perception recording (their third) stems from a period when Seffer had left Magma and initiated the extraordinary Zao with fellow former Magmoid Francois Cahen, a group whose place in musical history remains far more cemented than this more overtly jazz-qua-jazz formation, not least due to to the fact that only one of Perception's impossible to find album's have ever seen reissue, though the lack of any typical zeuhl signifiers to be found here likely plays a part in sustaining that obscurity as well. Thats a real pity, as there's some seriously blissed searching beauty spewing forth from all fronts here. (MS) 
 
Side A
A1. Trabla Air (10:28)
A2. Chott Djerid (12:15)
Side B
B1. Mestari (19:00)

Musicians:
Jeff (Yochk'O) Seffer: Bass Clarinet, Sopranino Saxophone, Tenor Saxophone, Performer
Didier Levallet: Contrabass
Siegfried Kessler: Electric Piano, Clavinet
Jean-My Truong: Percussion

Saturday, August 26, 2017

ANGELO BRANDUARDI ‎– Concerto (1980, 2 CD BOX-SET, Italy)

CD 1
1.1 L'uomo E La Nuvola (Breme - Stadthalle 10/26/79) 12:00
1.2 Tanti Anni Fa (Frankfurt - Jahrhunderthalle 10/30/79) 4:35
1.3 The Stag (Berlin - Hochschule Der Kunste 10/07/79) 3:15
1.4 Under The Lime Tree (London - The Venue 02/03/79) 2:35
1.5 Alla Fiera Dell'Est (Arena Di Verona 09/15/78) 11:20
1.6 Se Tu Sei Cielo (Roma - Palaeur 11/18/79) 3:20
1.7 Confessioni Di Un Malandrino (Arena Di Verona 09/15/78) 5:00
1.8 Il Gufo E Il Pavone (Roma - Palaeur 11/18/79) 4:30
1.9 La Pulce D'Acqua (Hannover - Niedersachsesenhalle 10/09/79) 6:15
1.10 Lady (Hamburg - Musikhalle 10/05/79) 4:15
1.11 Gli Alberi Sono Alti (Arena Di Verona 09/15/78) 4:30
1.12 Old Man And Butterflies (Zurich - Kongresshaus 09/30/79) 5:15
CD 2
2.1 Il Signore Di Baux (Milano - Palasport 11/11/79) 5:25
2.2 Il Ciliegio (Arena Di Verona 09/15/78) 4:25
2.3 Donna Mia (Arena Di Verona 09/15/78) 3:30
2.4 Re Di Speranza (Arena Di Verona 09/15/78) 6:15
2.5 Cogli La Prima Mela (Torino - Palasport 12/04/79) 7:25
2.6 La Luna (Munchen - Circus Krone 10/04/79) 9:45
2.7 The Song Of Eternal Numbers (London - The Venue 02/03/79) 5:00
2.8 Ballo In Fa Diesis Minore (Bologna - Palasport 12/03/79) 8:15
2.9 The Lady And The Falconer (Bruxelles - Palais Des Beaux Arts 10/20/79) 10:10
2.10 Il Poeta Di Corte (Arena Di Verona 09/15/78) 6:30

Musicians:
Angelo Branduardi: vocals, violin, recorder, acoustic guitar
Gigi Cappellotto: bass guitar
Maurizio Fabrizio: acoustic and classical guitar, mandolin, piano, ottavino
Franco Di Sabatino: keyboards
Roberto Puleo: electric and acoustic guitar, bouzouki
Andy Surdi: drums and percussion
Claudio Capponi: piano
Hugo Heredia: soprano sax, tenor sax, flute
Piercarlo Zanco: string bass, keyboards
Gianni Dall'Aglio: drums
Alan King: sax
Ronnie Jackson: guitar
Luigi Lai: launeddas (Sardinia's typical reeds)
Alfredo D'Aquino: violin
Felix Mizrahi: violin
Massimo Macri: cello
Aldo Giovagnoli: viola
Special guest:
Gianni Colaiacomo (from "Banco Del Mutuo Soccorso"): bass guitar
Pierluigi Calderoni (from "Banco Del Mutuo Soccorso"): drums
Rodolfo Maltese (from "Banco Del Mutuo Soccorso"): guitar
Gianni Nocenzi(from "Banco Del Mutuo Soccorso"): keyboards
Vittorio Nocenzi (from "Banco Del Mutuo Soccorso"): piano
Recorded on his "Carovana del Mediterraneo" tour in 1978/1979. The musicians that play on this album were the ones who had backed Branduardi on previous albums. In some shows Gianni Dall'Aglio replaced Andy Surdi on drums; in others he played with a string quartet (D'Aquino, Mizrahi, Macri, Giovagnoli), and in some others he played backed by prog italian band "Banco Del Mutuo Soccorso".

Recorded At – The Venue, London
Recorded At – Arena Di Verona
Recorded At – Palasport, Bologna
Recorded At – Stadthalle, Bremen
Recorded At – Jahrhunderthalle, Frankfurt
Recorded At – Hochschule Der Künste Berlin
Recorded At – Palaeur Arena
Recorded At – Kongresshaus Zürich
Recorded At – Musikhalle, Hamburg
Recorded At – Circus Krone
Recorded At – Palais Des Beaux-Arts, Brussels
"Registrazioni effettuate dall vivo a cura della scossa suono con registratori otari a 2 piste (**= Arena di Verona) con registratore otari a 8 piste da Spartero Robespier Di Mattei. Assistenza: William Gubellini. 
Missaggi, equalizzazioni e montaggio effettuati presso gli Studi Fonit Cetra di Milano da Plinio "Kipling" Chiesa. Assistenza Giancarlo Jametti. 
Matrice incisi presso la Fonit Cetra di Milano da Renato Citerio." 
Edizioni musicali Musiza Srl, Roma 
℗ 1992 Sottosopra Srl 
Fabbricato e distribuito dalla EMI Italiana S.p.A. su licenzia Sottosopra Srl 

TULLIO DE PISCOPO REVOLT GROUP - Sotto E 'Ncoppa (1975, LP, Italy) Repost!

Risultati immagini per DE PISCOPO revolt group
Uno dei più quotati batteristi italiani, di origine napoletana ma trasferitosi al nord verso la fine degli anni '60, De Piscopo ha avuto un breve contatto con la musica progressiva suonando con i New Trolls Atomic System nel 1973-74, anche se la sua produzione solistica spazia dal jazz-rock alla musica commerciale e dance.
Dopo un primo LP per sola batteria uscito nel 1974, Suonando la batteria moderna (Vedette VPA 8179), realizzò nell'anno successivo un disco intitolato Sotto e 'ncoppa con un ottimo gruppo di musicisti denominato Revolt Group, comprendente Sergio Farina (chitarra), Giorgio Baiocco (sax e flauto, anch'egli dai New Trolls Atomic System), Sante Palumbo (tastiere) e Gigi Cappellotto (basso). Si tratta di un disco di jazz-rock con qualche spunto progressive, interamente strumentale ad eccezione di qualche intermezzo parlato dello stesso De Piscopo. italianprog
Side A
A1 'O Sipario (1:09)
A2 Divario (2:30)
A3 Rettifilo, Ora Di Punta (4:53)
A4 'O Miracolo Adda' Venì (3:35)
A5 Tarantella Po' Scugnizzo (4:55)
Side B
B1 Sotto E 'Ncoppa (4:36)
B2 'A Cozzeca (1:38)
B3 'O Piscatore (6:44)
B4 Porta Capuana In Festa (4:00)
B5 Circumvesuviana Ore 7.45 (1:50)
B6 Inno A Napoli ('A Marcia Nova) (2:20)

Musicians:
Tullio De Piscopo: Drums, Rototoms, Harmonica, Congas, Lead Vocals
Gigi Cappellotto: Electric Bass, Percussion
Sergio Farina: Electric Guitar, Acoustic Guitar
Tony De Piscopo: Percussion, Timpani
Sante Palumbo: Piano, Electric Piano, Synthesizer
Peter Guidi: Soprano Saxophone, Performer
Giorgio Baiocco: Tenor Saxophone, Soprano Saxophone, Flute, Vibraphone
Arranged By Revolt Group

ALBERTO RADIUS ‎– Carta Straccia (1977, Italy)

Lato A
A1 Ricette 
A2 Celebrai 
A3 Pensami 
A4 Carta Straccia 
A5 Stai Con Me, Sto Con Te 
Lato B
B1 Nel Ghetto 
B2 Quando Il Tempo Sarà Un Prato 
B3 Un Amore Maledetto 
B4 Non Ti Ricorda Il Vento 

Musicians:
Julius Farmer: Bass
George Aghedo: Congas
Alberto Radius: Guitar
Franco Graniero, Roberto Carlotto, Stefano Pulga: Keyboards
Tullio De Piscopo: Percussion
Claudio Pascoli: Saxophone
Risultati immagini per ALBERTO RADIUS ‎– Carta Straccia (1977, Italy)
Italian guitarist and singer (born Rome, June 1, 1942), began career in late 50s with White Booster band and Mario Perrone Orchestra; after with I Campanino. Replaced Franco Mussida in Quelli (shortly became PFM), where develops his way of playing the guitar. With Tony Cicco and Gabriele Lorenzi formed Formula 3 debuting on Lucio Battisti's new label Numero Uno performing Battisti's song "Questo Folle Sentimento", which comes in 5th place in the ranking of best-selling singles.
Founder member of Formula Tre and "Il Volo" and a well respected session guitarist, Alberto Radius also had a good solo career following his band's split.
1977 it's the year of the LP he's most known for, "Cartastraccia",which contains also the charts-hitting song "Nel ghetto". It's a very courageous album for that period, irreverent, full of criticism and shouts against the Italian society of those times.

GOTIC ‎– Maqueta (1978, Spain) Unreleased 2nd Album

Bootleg of unreleased second album from 1978 on the Japanese Tachika Label

Tracklist:
1 Alba Cosmopolita 
2 Passejant Per Zarantz 
3 Juventut Audac 
4 Amanda d'Estiu 
5 Bulerias 
6 Somiant 
7 Pluja Sabatina 
Bonus Track
8 Jugant Amb El Gat (demo)

Musicians:
Rafael Escoté: bass, gong, claps
Jordi Martí: drums, percussion, claps
Agusti Brugada: flute 
Jordi Vilaprinyó: keyboards, synthesizers 
Eugeni Gil: guitars

VEZHLIVY OTKAZ -- Gusi lebedi [Polite Refusal/ Geese and Swans] (2010, RUSSIA)


Risultati immagini per VEZHLIVY OTKAZ Geese and SwansThis Moscow sextet’s 2010 album is truly unique and excitingly unpredictable. Polite Refusal (aka Vezhlivy Otkaz) have been around since the mid-'80s Soviet years.
Now led by singer/ guitarist/ composer (and original member) Roman Suslov, they release albums infrequently -- their last arrived over seven years before this one. On the evidence of Geese and Swans (aka Gusi-Lebedi), it was well worth the wait. In the English-language liners of the edition distributed outside of Russia by AltrOck, writer Dmitry Ukhov says the band often performs "art songs rather than just songs," avoiding "the verse/refrain formula," but one might argue that's not really the case here. Suslov does sing verses and refrains, a structure that's not exactly groundbreaking, but even when the music doesn't stretch boundaries, his vocal delivery avoids the routine. He's a forceful, even riveting frontman (and killer guitarist on amplified acoustic), his voice capable of descending from a rocked-up tenor to a bluesy baritone, alternatingly melodic and declamatory, grainy and rough around the edges in perfect measure. He sings in strongly inflected Russian -- obviously incomprehensible for those who don't understand the language, but just the sound of his voice is enough to carry the day. And yet it's Suslov's music beyond the verses and refrains that truly elevates Geese and Swans. 

Of course, countless groups have used rock song forms to launch extended instrumental excursions -- prog rockers and jam bands have been plying such territory for decades. But rarely, if ever, quite like this.

Take "Road Song," for example. (Simply titled songs like the opening and closing instrumentals "March" and "Etude," along with "Road Song" and other numbers like "Blues" and "Time," almost present themselves as archetypes with an avant Russian spin.) After Suslov sings and picks his way through the indeed roadworthy intro, the song explodes. Suslov's guitar and Dmitry Shumilov's upright electric bass maintain the propulsion with an off-kilter ostinato line, while drummer Mikhail Mitin tumbles in free-bop mode, violinist Sergey Ryzhenko interjects pizzicato embellishments, and trumpeter Andrey Solovyov goes wild. It's almost as if the band has split apart, but pianist Pavel Karmanov -- harmonically and structurally adventurous à la Myra Melford throughout the disc -- links it all together with octaves that fragment and echo the tune's theme, and when the piano appears, Solovyov manages to interject responses into his own high-flying trumpet flurries. 
Risultati immagini per VEZHLIVY OTKAZThen the band is suddenly back to the tune's beginning and the listener is left wondering how, through all of that, a tenuous thread of continuity was maintained. Elsewhere, the band tips more toward Russian folk and even blues-tinged avant-prog than avant jazz, more incisive and less improvisational than jazz and earthier than prog rock -- a better fit, perhaps, at a Rock in Opposition festival than a jazz festival (although kudos to any jazzfest that would manage to book them). The most immediately engaging tunes -- "Murka" and "Time," for example -- have a groove and momentum that won't let go, but even during the knottiest digressions from Suslov's core songs, the group's sheer musicality should demand and receive the respect of any open-minded music listener. 
("Suffering" -- with Karmanov on flute -- hews uncomfortably close to Jethro Tull, but nobody’s perfect.) What is this, then? A Russian folk-jazz-rock mash-up of King Crimson and Dave Douglas? Whatever it is, find this disc and prepare to be astounded.

Вежливый Отказ ‎– Гуси-Лебеди

Songs / Tracks Listing
1. Марш / March (2:49)
2. Дорожная / Road Song (5:25)
3. Мурка / Murka (4:50)
4. Перевод / Transalation (Perevod) (7:57)
5. Страдания / Sufferings (3:35)
6. Тикирека / Flow River (Tikirika) (4:44)
7. Бурятская морская / Buryat Sea Song (6:16)
8. Блюз / Blues (5:55)
9. Время / Time (4:15)
10. LZ (4:04)
11. Этюд / Etude (3:44)

Total Time 53:34

Line-up / Musicians
- Roman Suslov / acoustic guitar, vocals, co-producer
- Pavel Karmanov / grand piano, flute, violin, vocals
- Sergey Ryzhenko / electric violin, vocals
- Andrey Solovyev / trumpet
- Dmitry Shumilov / bass, double bass, vocals
- Mikhail Mitin / drums, percussion

"The most recent release by Vezhlivyj Otkaz (Polite Refusal) is probably their most avant and accomplished release. The band has been around since the mid 80's but have been pretty much unknown outside of Russia. They started out as a punk / ska band and have continually evolved over the years to a dark edgy folky avant band that performs these days. Those of us in the West have AltrOck to thank for distributing these albums that were previously unavailable. The band is primarily an outlet for Roman Suslov the guitarist and vocalist.
The songs are of the short 3 to 7 minute variety and are generally lyrically based with guitar accented by wind and keys. Outstanding release and highly recommended." (progarchives)


VEZHLIVY OTKAZ Gusi lebedi
(www.arlequins.it)
Questo nome forse non vi dirà nulla ma per chi ha confidenza con la scena rock underground della fu Unione Sovietica si tratta di una vera e propria band di culto. Nulla a che vedere però con i gruppi rock sgangherati e ribelli che popolavano le cantine di Leningrado e Mosca in clandestinità. I Vezhlivy Otkaz (conosciuti anche come Polite Refusal), come spiega Roman Suslov (voce e chitarra acustica), hanno da sempre desiderato suonare musica orchestrale, solo che avevano a loro disposizione soltanto il pianoforte, la batteria e la chitarra. La loro musica è infatti eccentrica ma perfettamente strutturata, movimentata ma cameristica, complessa ma allo stesso tempo diretta e mordace.

La carriera dei Vezhlivy Otkaz inizia nel 1985 fra le pareti della facoltà di ingegneria e matematica dell’Università di Mosca. Qui Roman Suslov, Mikhail Vereshagin (basso), Mikhail Mitin (batteria), Peter Plavinskiy (tastierista e ideatore del nome della band) e Dmitriy Shumilov (voce) iniziano la loro avventura, mescolando il rock al jazz con arrangiamenti pseudo-classici. A questa formazione va aggiunto, ma solo nelle prime fasi di vita del gruppo, il poeta Arkadiy Semenov che crea i testi delle canzoni utilizzando complesse associazioni di parole che colpiscono per i loro suoni e per la loro musicalità. Questa caratteristica la ritroviamo costantemente nella musica della band e anche in questo nuovo lavoro, come vedremo. Capisco che il russo possa risultare indigesto per qualcuno di voi ma tutti possono comunque percepire il ritmo e la musicalità dei testi, pur non comprendendone il significato, che si mescolano armoniosamente alla musica.

Fra il 1985 ed il 1986 la band registra il primo magnetoalbum, cioè un album clandestino su nastro, che si intitola “Opera”. Con la Perestroika il gruppo riesce a trovare diverse occasioni per farsi vedere dal vivo ed il risultato della loro popolarità è il cosiddetto “album bianco”, il disco omonimo stampato per l’etichetta di stato Melodiya nel 1989. Il periodo post sovietico si apre con “I-I-raz”, un disco molto particolare in cui ogni pezzo si ispira ad un tipo di danza e in cui la band sfoggia uno stile più maturo e definito. Nella ricca discografia dei Vezhlivy Otkaz, che comprende anche diverse opere dal vivo, mi piace infine citare, prima di entrare nel vivo della recensione, il loro apice artistico che è l’album “Kosa na kamen” (“falce su pietra”, espressione che in italiano equivale al modo di dire “a brigante, brigante e mezzo”), uscito nel 1997. Di questo album, “Gusi lebedi” (oche cigni) riprende il taglio avanguardistico e cameristico ed ovviamente un uso delle parti vocali molto musicale con assonanze che creano bellissimi contrasti con la musica.

Rispetto agli esordi la formazione si è col tempo rimodellata, grazie anche all’aggiunta di nuovi strumenti che portano dei piacevoli arricchimenti timbrici, anche se la base portante è sempre costituita dal piano, dalla batteria e dalla voce. In questo nuovo album, assieme ai veterani Mikhail Mitin, Dmitri Shumilov (che ora suona basso acustico e contrabbasso) e Roman Suslov, troviamo Pavel Karmanov al pianoforte a coda e al flauto, Sergey Rizhenko al violino elettrico e voce e Andrei Solovev, tromba e voce. Lo stile del gruppo è immediatamente riconoscibile e in questo album appare particolarmente accattivante ed interessante grazie a spartiti variegati e movimentati, soprattutto per quel che riguarda le parti di piano, e mi verrebbe quasi da dire che il vertice di “Kosa na kamen” è stato raggiunto o addirittura superato.

Troverete qui una meravigliosa miscela di musica da camera, prevalentemente acustica, con una struttura rock e contaminazioni col jazz, con una voce solistica molto caratteristica e teatrale, che non si limita a recitare ma costruisce delle vere e proprie linee melodiche che vengono riprese continuamente dalla musica, e in più i fiati ed il violino che vengono ad intrecciarsi in maniera raffinata agli strumenti principali. Possiamo percepire anche dei richiami al folk russo, ma questi, mascherati nel contesto di una formula orchestrale e cameristica, non appaiono immediatamente evidenti ma possono essere scovati nel modo di cantare o in alcune formule ripetitive e in certi ritmi, in alcuni particolari insomma che difficilmente possono essere inquadrati da un orecchio non allenato. Fornirvi dei paragoni con altri gruppi? Semplicemente impossibile. Non vi resterà che ascoltare questo che per me è indiscutibilmente il disco del 2010. Vi avverto però di un piccolo problema,:dovrete sudare un po’ per avere questo album (lo potete trovare indicato col titolo inglese “Geese and Swans”), che tra l’altro ha tutte le note di copertina solo in russo, ma ne vale la pena, soprattutto se amate la musica colta ed originale.

PERSIMFANS ‎– Quinta Dimensione (1978, CD, Italy)

One of the stranger additions the RPI team have had to deal with is this collaboration from Genova. PERSIMFANS was formed in 1978 by a group of music students. Their name is an abbreviation of a conductorless Russian symphony orchestra - Pervyi Simfonicheskii Ansambl that performed between 1922 and 1932.
Persimfans picture
This unusual formation released one album titled "Quinta Dimensione" in 1978 which is an atmospheric blend of the avant-garde, electronic, symphonic and classical. The original album featured spoken word vocals of wizard TONY BINARELLI which are missing from the later CD reissue. Five Tarot cards were also presented in the original release.

Prendendo il nome da un'orchestra sinfonica fondata in Russia negli anni '20 del XX secolo che suonava senza direttore, i Persimfans si formarono a Genova nel 1978 ad opera di studenti del conservatorio, nel tentativo di fondere musica classica e avanguardia, con l'uso di strumenti elettronici e tradizionali. Le loro uniche registrazioni uscirono su uno strano LP ispirato dalla trasmissione televisiva Con un colpo di bacchetta, e contenente la musica interamente strumentale del gruppo a fare da sottofondo alla voce del presentatore/mago Tony Binarelli. L'LP conteneva anche cinque carte dei tarocchi! Due brani usciti sull'LP vennero anche realizzati su 45 giri, ma nell'originaria forma strumentale. Il gruppo ha anche collaborato con il batterista Tullio De Piscopo per una tournée. La Giallo Records ha pubblicato le registrazioni originali strumentali senza la voce di Binarelli, e il disco in questa forma è interessante. L'edizione in CD contiene anche alcuni brani inediti non presenti nella vrsione in vinile. italianprog

Tony Binarelli, Persimfans ‎– Quinta Dimensione

Vinyl, LP edition Eleven ‎– ELC 25145

Tracklist:
A1 Life 2:41
A2 Oxygen 3:41
A3 Heat 2:39
A4 Relax 5:08
A5 Space 3:13
B1 E.S.P 3:27
B2 Psychokinesis 2:22
B3 Chiaroveggenza 4:07
B4 Messaggio Dall' Incoscio 2:53
B5 Quinta Dimensione 4:09

Line-up / Musicians
Marco Grasso / keyboards
Mirko Sannazzaro / keyboards, vibes
Marco Cipollina / guitar, bass
Roberto Gasparini / guitar
Alessandro Castaldi / drums, percussion

Persimfans - Quinta dimensione
.

CD Giallo records (SAF 043)
2000 versione strumentale dell’LP del 1978 con 7 brani inediti

Tracklist:
1 Passeggiata Sugli Urali 3:31
2 Canoa 7:44
3 Esp 3:27
4 Pause 2:39
5 Dance 3:47
6 Gioco Di Cristalli 5:25
7 Quinta Dimensione 4:09
8 Quinta Armonia 3:05
9 Life 2:40
10 Oxigen 3:41
11 Heat 2:39
12 Relax 5:07
13 Space 3:12
14 Grande Nero 5:25
15 Esp (Definitiva) 3:27
16 Psychokinesis 2:21
17 Chiaroveggenza 4:07
18 Messaggio Dell' Inconscio 2:52


A late and unusual delicacy for those who like it weird
by Finnforest

Persimfans is a very strange late entry of the classic RPI era, the album being released in 1978 when RPI was in decline. This one bucked the trend however and is not only very good but still highly imaginative and with an experimental edge. The band was a bunch of music students from Genova who named their group after a "conductorless" Russian orchestra of the 1920s, the Pervyi Simfonicheskii Ansambl. Persimfans takes that independent and unorthodox approach to music and delivers a most intriguing album that should thrill fans of Franco Battiato's 70s work and perhaps Opus Avantra. Augusto Croce writes that Persimfans "mixed together classical and avantgarde music with electronic and traditional instruments."

While I don't usually steal my own evaluation comments for my review, in this case I'm going to share them as I think my enthusiasm for the album comes through, and that's what I'd like to convey. With just minor edits these are the notes I blathered at my RPI teammates: "It's a gorgeous piece of work with all kinds of luscious atmospheres, sometimes like Goblin as Todd suggested with some Classical and avant garde components. Great keys, haunting female vocals here and there, with an emphasis on piano, mellotron, and acoustic guitars. While not like the big Italian groups it has serious RPI mood and feels very influenced by Battiato to me. It's an album that screams to be in my RPI collection personally while obviously not being textbook stuff. Check out those choirs coming in and out during "Space!" The guitars in "Grand Nero" and "Heat" have an ominous quality also typical of the darker RPI groups. For a bunch of students I can't believe the quality I'm hearing, the discipline, and the maturity. This album blows my mind." Those notes were from my initial impression and have not changed.

The pieces move along like a soundtrack almost, with one idea leading to the next mostly unrelated musical impression. The only common denominator is a mysterious, somewhat melancholic aura of great beauty that comes from the melodies. Sometimes I feel like I've heard these passages in another life or something. Spacious yet unsettling, you never know what is going to creep up on your next. Those alluring siren vocals? Some odd percussion stuff? A brief bit of fusion? Or one of the many strange acoustic guitar melodies countered with piano or electronics. Like the best RPI there is an element of danger, mischief, and not much convention. For what was likely a low budget one-shot group with no commercial potential, the recording and sound quality are really quite good. While I won't call this essential, in my estimation this recording is nearly a must for serious RPI fans and avant-garde music fans. Hunt it down, you won't regret it. The original LP had spoken word vocals over the music while the CD reissues drops them. I've only heard the latter, and even without those vocals is it great. The original LP would be interesting but also much more difficult to find.

I don't say this often, but this is one album I wish was twice as long. While admittedly not an album "for any prog collection" I still need to go four stars here because I loved it and I think it is excellent.

Wednesday, August 23, 2017

Grencsó Tickmayer Duo ‎– Chamber Music (1990, LP, Ex-Jugoslavia)


This rare 1990 LP is the fruit of a collaboration between several individuals related to the Vojvodina area in Serbia, then a part of Yugoslavia. Pianist and composer István Kovács-Tickmayer, aka Stevan Kovacs Tickmayer, was born in 1963 of Hungarian origin in Nový Sad, the capital of Vojvodina. Kovacs Tickmayer founded Tickmayer Formatio in 1986 and relocated to France in 1991 to become the official composer of Josef Nadj’s dance performances in Orleans, France, and on tour, along members of the Formatio. The producer of this disc, choreographer Nagy József, aka Josef Nadj, was born in 1957 in Kanjiža, a Magyar-speaking town of Vojvodina. Kovács-Tickmayer met Hungarian saxophonist GrencsóIstván, aka Stevan Grencso, born 1956, during the 1980s, while playing with Hungarian improvisers from Nový Sad and Budapest. At the time, Stevan Grencso played in Hungarian free jazz bands Masina Jazz Group, founded in 1979, and Kollektiva, founded in 1984.

This meeting between Grencso and Kovacs Tickmayer took place during a live performance at Club Petőfi Sándor in Nový Sad (Újvidék in Magyar) on April 27, 1988. The LP was published in France on a short-lived label called Libelulla, of which it is apparently the sole release. The longuest piece here, Chamber Music IVis also the album’s piece de resistance. It starts with a wonderful saxophone+clarinet duet before Kovacs Tickmayer turns to melodica for a wonderfully unusual coupling with the saxophone. The track eschews any reference to free jazz and is indeed close to chamber or contemporary music, if only more timely and meditative.
Side A
A1 Chamber Music I
A2 Chamber Music II
A3 Chamber Music III

Side B 
B1 Chamber Music IV
B2 Chamber Music V

Credits:
István Grencsó: Alto Saxophone, Percussion, Vocals, Piano
 István Kovác Tickmayer: Piano, Harpsichord, Melodica, Bass, Clarinet, Percussionn Kovács 
Engineer: István Koncz
Producer: Josef Nadj
Note: Recorded live 27 April 1988 at Club Petőfi Sándor in Újvidék / Novi Sad

Tuesday, August 22, 2017

N.A.D.M.A. ‎– Uno Zingaro Di Atlante Con Un Fiore A New York (1973, LP, Italy)

Gruppo di otto elementi formato da elementi provenienti da studi musicali, alcuni dei quali con altre esperienze in campi diversi (Pardi e Vismara nell'arte contemporanea, Mosconi come fotografo), o con un rilevante background musicale (Cristofolini aveva suonato con Don Cherry), i N.A.D.M.A. (il significato del nome è Natural Arkestra de Maya Alta) di Milano tentarono di fondere le influenze musicali orientali con il jazz e la cultura occidentale, con uno stile non lontano da quello degli Aktuala.
Il risultato è un album complesso, con grande uso di strumenti a fiato e ad arco, di difficile ascolto per gli appassionati della musica progressiva più tradizionale.
Il gruppo è rimasto in attività solo nel periodo 1972-1973, scomparendo senza lasciare ulteriori tracce, mentre alcuni dei componenti, come Mosconi e Vismara, hanno continuato la loro ricerca musicale con performance nelle gallerie d'arte contemporanea.
L'attività live del gruppo è ben documentata dal CD del 2006 Paura. italianprog
Lato A
A1 Homage To Amilcar Cabral
A2 Chant
A3 Dabya
Lato B
B1 Energia
B2 Atlantide-Maya-Veda Rhyton
Musicians
Alto Saxophone, Bugle – Franco Pardi
Baritone Saxophone, Soprano Saxophone – Otto Davis Corrado
Contrabass – Mino Ceretti
Engineer – Franco Finetti
Harp, Tambura, Violin [Pocket] – Ines Klok
Other [Musical Assistant] – Roberto Rosati
Percussion, Violin [Oriental], Artwork [Inside] – Marco Cristofolini
Photography By [Back Cover] – Davide Mosconi
Photography By [Cover] – Mimmo Maccioni
Piano – David Mosconi
Producer – Gianni Grandis
Viola, Violin – Gustavo Bonora
Violoncello – Marino Vismara
Written-By – Cristofolini


N.a.d.m.a. : Uno zingaro di atlante... (1973)
by classikrock.blogspot.it
Ricordandomi il disco dei NADMA, il nostro amico Daniele evocava lo spirito rumoristico dei Pink Floyd di "Ummagumma".
Ci sono però delle sostanziali differenze che separano il doppio album dei Maestri dal lavoro dell'ottetto di Milano: sono entrambi album di transizione certo, ma ognuno a modo proprio.
Quello dei Floyd è un lavoro sperimentale che celebra il mutamento tra una fase artistica ormai terminata (quella di Barrett) e un'altra non ancora messa a punto. In questo caso, lo sperimentalismo è da considerarsi "tecnico" e poggiato su base individuale.
Dobbiamo invece collocare l'unico lavoro dei NADMA, in una precisa fase pre-politica, tutta Italiana, di passaggio tra la fine del sogno "underground" e il nascere di una musica più partecipata e militante.
In questo senso, occorre ricordare che all'interno dell'avanguardia Italiana, si era prodotta proprio nel 1973 una storica frattura tra il movimentismo di stampo comunitario diderivazione beat e quella parte di "controcultura democratica" che richiedeva invece un impegno artistico più aderente alla sfera politica e sociale.
Rispetto ai Floyd quindi, le follie cacofoniche dei NADMA sono da ritenersi sperimentalmente più di stampo avanguardistico che tecnico e soprattutto, basate su un terreno coscientemente collettivo.
Di fatto, a partire dallo stesso impossibile titolo ("Uno zingaro di Atlante con un fiore a New York") e dal nome del gruppo (oscuro acronimo di "Natural Arkestra De Maya Alta") , risultano si evidenti le derivazioni freak del gruppo, ma l'aggressività timbrica prodotta nel disco li pone già in un contesto più attuale e sbilanciato verso il futuro.
In altre parole, si stanno allontanando i tempi in cui gli Aktuala (loro consimili) suonavano sui tappeti e offrivano il Tè agli spettatori invitandoli a suonare con loro: in "Uno Zingaro…" la barriera timbrica diventa talmente impenetrabile da simulare una vera e propria aggressione.
Suoni "urlati" quindi e atmosfere da caos tribale in chiave "etno" nel primo lunghissimo brano ("Homage to Amilcar Cabral").
Anche là dove si potrebbe riscontrare un po’ di melodia, essa viene traslata in una sorta di sofferente litania ("Chant", "Energia"), esattamente così come la tensione di certe appoggiature strumentali introduce "Dabya".
Pur non mancando i riferimenti (pur se pochi) al trascorso spirito freak-comunitario con qualche accenno di festa popolare araba ("Chant") o nella lunga improvvisazione "Atlantide", la maggior parte di "Uno Zingaro…" è violenza concreta in stile free jazz (non a caso il violinista Cristofolini aveva già suonato con Don Cherry).
Pur ben lungi dall'essere un album di rock progressivo il disco dei NADMA era per l'epoca un disco attualissimo, ponendosi con le sue angosce ed i suoi rituali quale spartiacque tra una stagione di utopie e una nuova stagione di lotta.
Commercialmente non ebbe successo, discograficamente fu certamente una vampata, ma merita comunque di essere ascoltato. se non altro per cognizione di causa, o per rituffarsi nudi in quello che fu uno straordinario periodo storico.
"I N.A.D.M.A. furono uno dei parti più indigesti dell’underground milanese di area freak, o se vogliamo una specie di versione hardcore dei concittadini Aktuala. Cose come Energia fanno passare le sfuriate free degli Area per delle allegre passeggiate bubblegum pop" Valerio Mattioli
"A really non commercial jazz-rock band (like Aktuala). Bizarre avant-garde?" GEPR

N.A.D.M.A.
Uno zingaro di Atlante con un fiore a New York (1973)
Recensione su hamelinprog.com

Agli inizi degli anni ’70 una casa discografica come la RCA, una delle più importanti del panorama italico, dopo aver pubblicato per anni dischi di musica leggera (da Modugno a Morandi), decide di aprirsi alle nuove sonorità che stavano giungendo da oltremanica e dare credito a quegli artisti italiani che avevano intrapreso questa nuova strada, ancora buia.NA.D.M.A.
Tra le sue prime pubblicazioni del 1970 troviamo Sirio 2222 dei Balletto di Bronzo e l’album omonimo dei The Trip, poi si arriverà a Il Rovescio della Medaglia, ai Perigeo, all’unico album prog di Riccardo Cocciante (Mu) e altri ancora, sino a giungere al 1973, anno in cui l’RCA accetta una delle sfide più ardue della sua lunga carriera, se non la più ardua: Uno zingaro di Atlante con un fiore a New York dei N.A.D.M.A..

I N.A.D.M.A. affrontano un discorso che a 999 uditori su 1000 risulta incomprensibile. Già sul finire degli anni ’60 Davide Mosconi, Marco Cristofolini, Gustavo Bonora ed Enzo Gardenghi, col nome “Il Quartetto”, cominciano la propria ricerca musicale seguendo i percorsi meno battuti dalla musica a loro contemporanea, avente come minimo comune denominatore improvvisazione e creatività.

Iniziati i ’70 il progetto si amplia e la ricerca si estremizza. Nascono così i N.A.D.M.A. (acronimo di Natural Arkestra Da Maya Alta, il quale, però, abbrevia il vero nome che, come riportato all’interno del vinile, risulta molto più esteso: The Natural Arkestra Of Percussion And Jade Di Marco Cristofolini Da Maya Alta). L’unico a lasciare il progetto è Enzo Gardenghi, mentre a Marco Cristofolini (violino, percussioni), Davide Mosconi (piano) e Gustavo Bonora (violino, percussioni) si aggiungono Marino Vismara (violoncello, voce), Otto Davis Corrado (sax), Giafranco Pardi (sax, tromba), Mino Ceretti (contrabbasso, voce) e Ines Klok (arpa, percussioni, violino). Un gruppo di artisti impegnati non solo in ambito musicale ma anche, per esempio, nelle arti visive, come Pardi e Vismara, o nella fotografia come Mosconi.

L’improvvisazione e la sperimentazione sono alla base dell’unico lavoro in studio, ossia Uno zingaro di Atlante con un fiore a New York. È l’utilizzo estremo degli strumenti (fiati e archi su tutti) l’elemento di punta dell’opera, spesso una sorta di “chiasso infernale” che disorienta l’ascoltatore, ma abbiamo anche momenti “siprituali” come in Chant e atmosfere molto più dilatate come nel brano finale. Alcune sonorità di matrice etnica od orientale richiamano alla mente l’album Aktuala, dell’omonima band, uscito lo stesso anno, ma questi ultimi risultano, al confronto con i N.A.D.M.A., molto più lineari e meno sperimentatori. Di certo la musica dei nostri non può essere etichettata come world music.

È un album molto coraggioso, “non ortodosso”, di un’avanguardia estrema, in cui gli strumenti hanno una libertà di movimento infinita e riescono a raggiungere livelli poco esplorati sino ad allora. Come si può immaginare, però, il disco non ebbe molta fortuna e la band finì il suo cammino di lì a poco.

Il brano d’apertura, Homage To Amilcar Cabral, è l’unico che, strutturalmente e musicalmente, richiama un brano degli Aktuala (Mammoth R.C., contenuta nell’album omonimo), raddoppiandone però la durata. Dopo un paio di minuti, in cui compaiono solo pochi suoni naturali e timide percussioni, il suono comincia a crescere senza sosta, guidato da un tumulto di fiati “torturati” e percussioni, da cui emergono un canto tribale e la voce di Ceretti. È un fiume in piena che ci trascina via senza la minima possibilità di trovare un “appiglio di salvezza”. L’Amilcar Cabral cui è dedicato il brano è stato un politico della Guinea-Bissau, fondatore del Partito Africano per l’Indipendenza della Guinea e di Capo Verde (PAIGC), il quale portò i due stati all’indipendenza dal Portogallo. Fu assassinato nel gennaio del 1973, pochi mesi prima di vedere la sua patria indipendente. Nel lungo frastuono che accompagna la quasi totalità del brano può essere letta la sofferenza, ma anche la forza di volontà, che ha accompagnato la lotta del popolo verso l’indipendenza, con lamenti e urla strazianti restituite dai fiati suonati in modo estremo (ma anche dalla voce e dalle percussioni), e il momento in cui il popolo è sconvolto dall’omicidio del proprio leader.
I suoni sinusoidali irritanti creati dagli archi, che occupano i primi secondi di Chant, fanno da apripista al canto mantrico di Marino Vismara che occupa i restanti sessanta secondi del brano.

Dabya è un brano diviso in più parti. I primi tre minuti sono occupati da due improvvisazioni (forse quasi delle esercitazioni), realizzate dagli strumenti a corda e dagli archi. Ai tre minuti gli archi prendono corpo e, finalmente, si riesce a scorgere una melodia, degna di tale nome, dalle sonorità arabeggianti. Poco dopo il piano di Mosconi prende il sopravvento con l’unica esecuzione dell’album in cui si può notare un minimo di richiamo progressivo, disturbata però da un fitto “ronzio” di archi e fiati che, nel minuto finale, cercherà di sovrastare l’unico suono “normale”.

Sardi e Corrado si divertono un mondo a creare dissonanze con i fiati nell’avvio di Energia. Poi ha inizio un nuovo delirio sonoro dove tutti sono chiamati a raccolta. Soprattutto piano e percussioni sembrano impazziti, mentre fiati e archi camminano imperterriti. Pura violenza acustica. Dai lamenti che ascoltiamo pare quasi che gli strumenti tentino di fuggire dalle mani dei propri “aguzzini”.

Atlantide – Maya – Veda Rhyton. Avvio minimal con atmosfera etnica per il brano di chiusura, con un mix di suoni che richiamano la foresta, ma anche qualcosa di orientale. Col passare dei minuti i suoni si fanno più stridenti, il tutto spudoratamente sperimentale e, molto probabilmente, improvvisato. La tromba, che intorno agli otto minuti riesce ad emergere dalla “palude sonora”, dà un tocco di solennità al brano.

Formazione:
Marco Cristofolini: violino, percussioni
Davide Mosconi: piano
Gustavo Bonora: violino, percussioni
Marino Vismara: violoncello, voce
Otto Davis Corrado: sax
Giafranco Pardi: sax, tromba
Mino Ceretti: contrabbasso, voce
Ines Klok: arpa, percussioni, violino
Guest:
Toni Marcus: viola (nell’album Paura)

Discografia:
1973 – Uno zingaro di Atlante con un fiore a New York (RCA DPSL 10579)
2006 – Paura (Alga Marghen ALGA060CD)